Tu sei qui

La Regione ha approvato e finanziato 66 progetti di pubblica utilità, presentati da enti pubblici piemontesi (Comuni, Unioni di Comuni, Enti parco, Consorzi per la gestione di servizi socio-assistenziali, Agenzia territoriale per la casa) in partenariato con soggetti privati.

302 in tutto il Piemonte i posti di lavoro che si rendono disponibili con i progetti di pubblica utilità.

Il finanziamento complessivo previsto da parte della Regione è di 3.105.397 euro, provenienti dalle risorse del Fondo sociale europeo per l’inclusione sociale e la lotta alla povertà, da fondi statali e regionali. Ogni ente provvede all’integrazione dei costi con una quota di co-finanziamento pari al 20% del costo complessivo del progetto.

I progetti di pubblica utilità sono interventi di carattere straordinario, che prevedono l’inserimento di persone disoccupate in imprese private, con contratto di lavoro a tempo determinato, per svolgere – per conto del Comune o di altra pubblica amministrazione – lavori di pubblica utilità. Possono parteciparvi persone inoccupate e/o disoccupate prive di impiego da almeno 12 mesi, che hanno compiuto il 30° anno di età e persone inoccupate e/o disoccupate prive di impiego in carico ai servizi socio assistenziali.

La retribuzione spettante sarà quella del livello contrattuale del contratto collettivo di lavoro applicato dal soggetto attuatore.

I progetti approvati riguardano lavori di riordino e digitalizzazione di archivi, valorizzazione del patrimonio ambientale, urbanistico, culturale, manutenzione di aree verdi, parchi gioco e arredo urbano, riordino biblioteche, sostegno a servizi di sportello, opere di contrasto al rischio idrogeologico, ecc.

I progetti sono distribuiti su tutto il territorio piemontese: 52 nell’ambito della Città metropolitana di Torino, 7 nell’ambito delle province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli, 5 nell’ambito Asti-Alessandria, 2 nel Cuneese.

Per informazioni sull’avvio dei progetti e sulle modalità di presentazione della propria candidatura, occorre collegarsi alla pagina dedicata sul sito web di Agenzia Piemonte Lavoro

 

Aggiornato il 16 Lug 2020